Il Potere del Pensiero Legge di Attrazione

Nadia Toffa e le polemiche sul web

Nadia Toffa

NADIA TOFFA E LE POLEMICHE SUL WEB

Sicuramente anche a voi ? capitato di leggere sul web o sui social network, le polemiche che riguardano Nadia Toffa e il suo comunicato trasmesso al “Le Iene” e, probabilmente siete tra i tanti utenti che hanno messo il mi piace o che hanno addirittura commentato.

Io ho letto sia gli articoli che sul web, che il post su facebook che ormai sta facendo il giro di tutte le bacheche.

Sicuramente pensate che sto sviando dagli argomenti trattati in questo blog, invece voglio prendere spunto da questa notizia, per farvi capire come i pensieri negativi collettivi possono davvero nuocere al nostro corpo.

Nadia Toffa

Per chi non l’avesse letto, faccio un piccolo riepilogo. Il testo (scritto da una donna) diceva pi? o meno queste cose: “Beata te cara Nadia, che sei guarita in due mesi mentre noi comuni mortali siamo vittime di cure lunghe che il pi? delle volte non funzionano e ci portano alla morte”, oppure frasi del tipo “I malati di cancro non sono fighi come dici. Non c’? niente di figo nell’essere malati”.

Questo post, l’ultima volta che l’ho visto girare su facebook ? arrivato a 35.000 mi piace e una cifra altrettanto alta di gente, si complimentava con lei per quello che aveva scritto.

Non nego che umanamente parlando, la prima emozione che ho provato ? stata rabbia. Solo che a differenza di molti, la mia rabbia era rivolta alle 35.000 persone che hanno approvato positivamente questo post. Mi sono chiesta: dov’? finito l’altruismo? Dov’? finita la gioia nel vedere che qualcuno non si ? fatto abbattere da una malattia che farebbe deprimere chiunque? Dov’? finito il messaggio che Nadia ha voluto trasmettere? ovvero :”Possiamo guarire! Non siete vittime della vostra malattia, ma siete guerrieri e siete pure fighi!”. Io la penso esattamente come lei. Il cancro ? davvero spaventoso e le persone che hanno questa malattia sono davvero coraggiose. Si alzano ogni giorno con la consapevolezza che questo male potrebbe ucciderle da un momento all’altro. Si alzano la mattina e si lavano e si vestono per raggiungere un ospedale in cui gli inietteranno una sostanza che, ovviamente tenter? di distruggere il loro male, ma che indebolir? il loro fisico e gli far? perdere i capelli, come se la malattia non sia gi? abbastanza per loro.

Una cosa che ho amato di Nadia, ? stata anche sentirla dire che non si vergognava affatto di portare la parrucca, aggiungendo anche, che a lei quella parrucca piace. L’ho vista ballare gracilina, in un corpo esile. E l’ho vista sorridere.

Anche io ho avuto episodi di cancro in famiglia quindi, ho visto da vicino cosa ? in grado di fare questa malattia. Se qualcuno di voi quindi sta pensando che parlo a vanvera si sbaglia.

Detto questo, torno al punto della situazione e spiego qual ? la cosa che realmente voglio dire, e che collegamento c’? tra la spiritualit? e il post.

Ogni giorno, chi come me ha deciso di seguire il percorso di luce, sente parlare di energia positiva, pensiero positivo e luce, e sa quante volte ? ripetuto il concetto che il pensiero unito alle emozioni, pu? dar vita alla manifestazione dello stesso in forma materiale sulla terra.

La signora che ha scritto il post ha cercato sicuramente di denunciare fatti di vita quotidiana che realmente fanno parte del percorso che sono costretti a seguire i malati di cancro, ma ha focalizzato i suoi pensieri sugli eventi negativi che queste persone devono sopportare. Senza saperlo lei ? caduta nell’inganno dell’ego che si alimenta di paura e rabbia e che, di conseguenza, creer? nella testa di chi legge, pensieri negativi che creeranno eventi negativi.

Se anche tu come me vuoi davvero portare luce e vuoi un mondo migliore, non ascoltare queste lamentele. Purtroppo queste parole sono anche le stesse che senti in giro e che non leggi solo su facebook.

Sei a contatto ogni giorno con chi si lamenta delle malattie, con chi si spaventa e ti ripeto ? comprensibile e nessuno discute su questo. Facendo cos? per?, la malattia vince.

La malattia, se tu la temi, ? in grado di ucciderti ancora prima di averti ucciso fisicamente.

Con questo post si ? creata una memoria collettiva che pu? davvero “distruggere” la luce.

Per quanto sia difficile, in quanto la tua sensibilit? ti fa provare dispiacere, cerca di guardare le persone malate non come vittime, ma come guerrieri. Se sei a contatto con queste persone, spronale ogni giorno a fare quello che sono in grado di fare. Ricorda loro che ammiri il coraggio che hanno ogni giorno, ricorda loro che Nadia deve essere un esempio e non una persona che ha avuto pi? possibilit? di guarigione.

Ricorda a queste persone che Dio non vede ceti sociali e che non ha la password per vedere il nostro conto corrente, e che non sceglie le persone da curare in base a quanti soldi e fama si possiede. Lui da a tutti la stessa identica possibilit?. Digli che la malattia, se ? trattata con cure e in aggiunta ad esse ci si mette tanta forza e tanta determinazione nel guarire, pu? essere sconfitta.

Fate anche leggere a queste persone, testimonianze di uomini e donne che sono guarite in modi miracolosi e che sono diventate ancora pi? “fighe”, portando al mondo speranza e fiducia.

Non cadere quindi nella trappola. Perch? non ? altro che questa.

Se permetti a chi hai intorno di spaventarti o farti arrabbiare dicendo che tu sei un comune mortale e che solo i ricchi possono guarire, fai il gioco dell’ego che vuole distruggerti. Ricorda invece a queste persone, che tu non hai paura perch? tu non sei un comune mortale. Sei invece luce, anima e sei potente. Talmente potente che tutto ci? che vuoi avere giunge a te in modi miracolosi, al di l? della gravit? della situazione in cui potresti trovarti.

Il tuo ego ama le tue paure, ma tu non sei il tuo ego. Tu sei parte dell’universo che si nutre dei tuoi desideri. Ogni tuo desiderio che si realizza ? la linfa vitale per quell’universo che hai dentro e fuori di te.



Leggi anche:

Vedi solo l’amore – La carta del giorno

Le energie basse – cosa sono e come eliminarle

Pensieri e Memorie

[YouTube_WD id=24 item=7]

 

 

Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2018 Alessia Mereu

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: